Partendo dall'origine della richezza d‘acqua in Svizzera – ovvero le precipitazioni, partircolarmente abbondanti soprattutto nelle Alpi – il portale web spiega i vari aspetti rilevanti a livello idrologico, sociale, ecologico, di gestione dell'acqua dei fiumi e dellle loro portate.di più

Immagine: thomasfuer, photocase.dedi più

acqua sotterranea

La grande incognita del bilancio idrico

Nonostante ben 80 % dell’acqua potabile venga prelevata dalle falde sotterranee (vedi Utilizzazione e consumo dell’acqua), si sa ben poco riguardo a questa preziosa risorsa rinnovabile. Una frazione ignota del deflusso del bilancio idrico alimenta le riserve d’acqua nella falda, e allo stesso tempo la medesima quantità di acqua sotterranea alimenta a sua volta le acque superficiali (le riserve d’acqua sotterranea non cambiano). Si parte dal principio (Sinreich et al. 2012) che solo il 10% delle risorse d’acqua sotterranea in Svizzera sono captabili e utilizzabili in modo sostenibile (questo corrisponde a 18 km3, ovvero a circa un terzo delle precipitazioni totali annuali). Il rinnovo naturale delle acque sotterranee dipende dal tipo di formazione acquifera presente (vedi Glossario). L’acqua può restare più o meno a lungo in un acquifero. Il tempo di permanenza dipende dalla geologia del sottosuolo (quanto velocemente riesce ad infiltrare l’acqua piovana?), dalla capacità (dimensioni) della formazione acquifera e dalla presenza di acque di superficie. Esso può variare da alcuni mesi (lungo valli fluviali come la valle del fiume Ticino) fino ad una decina d’anni (aree carsiche: una parte delle Alpi settentrionali e in particolare le montagne del Giura). In territori carsici i fiumi reagiranno rapidamente in seguito a precipitazioni intense, infatti nonostante l’acqua debba passare da una rete tridimensionale di crepe, condotte e grotte prima di riaffiorare in superficie da una sorgente, gli acquiferi hanno sovente un potenziale di immagazzinamento abbastanza limitato. Questo si può spiegare con il fatto che non tutta la falda viene rimescolata. Possiamo immaginare l’acquifero come una spugna bagnata: se si aggiunge dell’aqua supplementare, la pressione in eccesso esercitata su di essa la induce a perdere dell’acqua.

Eventi, Notizie, Pubblicazioni

Acquiferi in materiale sciolto

Effetto dell'accumulo di calore ad alta temperatura sulle acque sotterranee

In un progetto avviato di recente, l'Istituto per la Ricerca sulle Acque Eawag sta studiando come l'uso di scambiatori di calore in foro (BTES) influisca sul terreno circostante, sulle acque

Immagine: BAFU
Wasser (Symbolbild)

Piattaforma Protezione delle acque sotterranee: Il nuovo sito web è online

L'UFAM e il Centro di idrogeologia e geotermia (CHYN) dell'Università di Neuchâtel hanno lanciato la Piattaforma Protezione delle acque sotterranee con l'obiettivo di collaborare con tutte le parti interessate per

Immagine: Edith Oosenbrug
ruscello valle acqua

SGM 2024: Symposium «Hydrology and Hydrogeology»

As part of this year’s Swiss Geoscience Meeting theme on «The Anthropocene – Past, Present and Future», the convenors of the Session «Hydrology and Hydrogeology» would like to particularly encourage

Immagine: M. Bolliger
Mensch (Symbolbild)

World Groundwater Congress IAH 2024

Der «World Groundwater Congress» ist die wichtigste internationale Veranstaltung zu Grundwasser unter der Schirmherrschaft der «International Association of Hydrogeologists (IAH)». Zum ersten Mal seit 30 Jahren findet der Kongress wieder

Immagine: Robert_Kneschke, stock.adobe.com