La sperimentazione animale, è consentita? Nel portale web, i ricercatori della Società svizzera delle scienze degli animali da laboratorio forniscono risposte dal loro punto di vista alle domande più frequenti.

Immagine: kwanchaift, stock.adobe.com

Perché non è possibile fare a meno degli esperimenti sugli animali?

Die Versuchstiere werden in einem Tierstall gehalten
Immagine: Universität Zürich

La ricerca biomedica si basa ancora sugli animali da laboratorio per condurre da un lato la ricerca di base e dall’altro per continuare a sviluppare farmaci, vaccini e altri trattamenti efficaci e sicuri La cosiddetta ricerca clinica si basa a sua volta sui risultati della ricerca di base. Inoltre, ci sono domande scientifiche che attualmente non possono essere studiate con metodi alternativi.

Nonostante le affermazioni contrarie, gli esperimenti sugli animali forniscono maggiori certezze. Senza di loro, per esempio, i farmaci i cui effetti sono stati studiati in colture cellulari o modelli informatici dovrebbero essere testati direttamente sugli esseri umani. L'analisi dei medicamenti consiste principalmente nell'ottenere informazioni sul modo di azione e sul comportamento di un principio attivo in un essere vivente simile all'uomo. Per ragioni etiche, è vietato esporre gli esseri umani al rischio di tali test. Il rischio di un effetto indesiderato di una sostanza è molto alto per l'uomo se non è stata testata negli esperimenti sugli animali per la sua sicurezza ( innocuità).

Solo quando ci sono informazioni sufficienti sull'effetto e sull'innocuità, che si basano anche su studi in diverse specie animali, si possono trarre conclusioni ragionevolmente affidabili sull'effetto negli esseri umani. Anche se questo non significa una garanzia al 100% per la sicurezza di una sostanza nel corpo umano, protegge i soggetti di test umani con un'alta probabilità da effetti collaterali inaccettabili e massicci.

Quale medico vorrebbe correre il rischio di provocare danni pericolosi potenzialmente letali a una persona durante il test di una nuova sostanza? Quali soggetti sarebbero disposti a ad assumere un farmaco la cui sicurezza ed efficacia non siano state precedentemente testate in un intero organismo,, cioè negli esperimenti sugli animali? Per proteggere le persone, tali misure sono obbligatorie per legge; ; richiedono che nuovi farmaci e trattamenti chirurgici vengano testati sugli animali prima di possano essere provati sugli esseri umani con elevati standard di sicurezza. Questi principi etici della medicina umana validi a livello mondiale furono stabiliti dopo la seconda guerra mondiale (Codice di Norimberga; oggi: Dichiarazione di Helsinki) in modo che gli esperimenti sugli esseri umani come furono condotti nei campi di concentramento nella Germania nazista non saranno mai più effettuati.

Le colture di cellule o tessuti possono essere utilizzate solo per ricercare aspetti parziali dell'effetto di un farmaco. In pratica, questi aspetti parziali vengono già esaminati con questi metodi in vitro come parte dello sviluppo dei farmaci. Tuttavia, questo di solito non basta. Il corpo è molto complesso; i vari organi, cellule, sistemi metabolici o ormonali sono interconnessi in un numero infinito di interazioni (“feedback loop”). È quindi importante per la sicurezza dei pazienti e per lo sviluppo di migliori metodi di trattamento, che un farmaco o un trattamento specifico sia testato nell’organismo stesso. Per esempio, un farmaco può avere un effetto diverso sul cuore se una parte del principio attivo è stata alterata nel fegato. Pertanto, la ricerca sulle sostanze nel corpo vivente è indispensabile.