Canicola e siccità dell’estate 2018

Effetti sull’uomo e l’ambiente

Nel 2018 la Svizzera ha vissuto un’altra estate eccezionalmente calda. Con una temperatura media di 15,3 gradi, è stata la terza estate più calda dopo il 2003 e il 2015 registrata dall’inizio delle misurazioni nel 1864. Anche le precipitazioni sono state alquanto esigue. Nella media nazionale, sono state pari soltanto al 69 per cento delle precipitazioni cadute durante il periodo di riferimento 1981 – 2010. La canicola e la siccità hanno in parte avuto gravi conseguenze. Le temperature elevate hanno causato circa 200 decessi in più rispetto a un anno normale. La siccità ha infine lasciato tracce visibili nei boschi. In molti boschi le latifoglie hanno cambiato colore già a luglio. Con il cambiamento climatico, condizioni come quelle registrate nelle estati 2003, 2015 e 2018 dovrebbero diventare la norma.

UFAM et al. (ed.) 2019: Canicola e siccità dell’estate 2018. Effetti sull’uomo e l’ambiente.
Immagine: BAFU

Dichiarazione Pagina: 92

Fonte: UFAM et al. (ed.) 2019: Canicola e siccità dell’estate 2018. Effetti sull’uomo e l’ambiente. Ufficio federale dell’ambiente, Berna. Stato dell’ambiente n. 1909: 92 pagg.

Categorie

  • Calore
  • Precipitazione
  • Siccità
  • Temperatura
Tedesco, Italiano, Francese