• 24.08.2020
  • Comunicato stampa
  • Forum Biodiversità Svizzera
  • Swiss Federal Institute for Forest, Snow and Landscape Research

Oltre 160 sussidi danneggiano la biodiversità in Svizzera

Cover Biodiversitätsschädigende Subventionen
Immagine: Hansjakob Fehr, 1kilo
×
Cover Biodiversitätsschädigende Subventionen
Cover Biodiversitätsschädigende Subventionen (Immagine: Hansjakob Fehr, 1kilo)

160 sussidi in diversi settori non solo perseguono obiettivi politici, ma danneggiano anche la biodiversità: lo dimostrano i ricercatori dell’Istituto federale di ricerca WSL e del Forum biodiversità dell’Accademia svizzera di scienze naturali nel loro studio pubblicato lunedì. Nel quadro della Convenzione sulla diversità biologica, la Svizzera si è tuttavia impegnata a modificare o abolire entro il 2020 i sussidi nocivi per la biodiversità.

Destinazione vincolata delle tasse sulla circolazione, promozione di piccole centrali idroelettriche, riduzione delle aliquote fiscali sugli oli minerali, deduzione fiscale per la sottoutilizzazione della proprietà abitativa e molto altro: Confederazione, Cantoni e Comuni prevedono oltre 160 sussidi che non solo promuovono gli obiettivi previsti, ma al tempo stesso danneggiano anche la biodiversità. Oltre a pagamenti pubblici, tali sussidi comprendono anche diminuzioni del gettito, per es. attraverso la riduzione delle imposte e la mancata internalizzazione dei costi esterni. I sussidi riguardano soprattutto gli ambiti politici della circolazione, dell’agricoltura, della produzione di energia e dello sviluppo degli insediamenti. «La crisi della biodiversità potrebbe essere attenuata se fossero concessi solamente sussidi per i quali si possa dimostrare che non danneggiano la biodiversità», afferma Irmi Seidl (WSL). In Svizzera, un terzo di tutte le specie animali e vegetali – così come quasi la metà dei tipi di habitat – è in pericolo.

I sussidi identificati non sono solo questionabili sotto il profilo ecologico, ma risultano anche inefficienti dal punto di vista economico. Se inizialmente i sussidi causano dei danni, per porvi rimedio sono spesso necessari ulteriori fondi pubblici. Allo stesso modo, in molti luoghi servono misure per la promozione della biodiversità. Tutto ciò fa aumentare i costi: fra 30 anni – scrive il Ufficio federale dell’ambiente UFAM – le perdite dei servizi ecosistemici (come la diminuzione dei terreni fertili o il calo dell’acqua pulita) potrebbero ammontare a circa il 4% del prodotto interno lordo.

Secondo i ricercatori, al fine di porre un freno a questo regresso della biodiversità e attuare efficacemente la Strategia Biodiversità Svizzera, la politica deve rivedere o abolire i sussidi che producono un effetto nocivo. Lo studio formula raccomandazioni concrete: nel quadro della periodica attività di controllo ai sensi della legge sui sussidi, occorre ora integrare fra i criteri anche la «biodiversità». Ciò vale per la Confederazione, ma anche per i Cantoni e i Comuni. Inoltre, deve essere abolita la destinazione vincolata delle tasse sulla circolazione o va ridotta almeno una parte dei fondi. I contributi di base per l'agricoltura devono essere vincolati all’adempimento di oneri che promuovano la biodiversità. In conformità alla Strategia energetica svizzera, i contributi di incentivazione per le piccole centrali idroelettriche devono essere impiegati in maniera più mirata rispetto al passato, mentre la deduzione fiscale sul consumo di oli minerali deve essere concessa solo in casi eccezionali. Va abolita infine la deduzione fiscale per la sottoutilizzazione della proprietà abitativa in maniera da consentire la diminuzione del fabbisogno di superfici e della pressante richiesta di nuove zonizzazioni e nuove aree edificate, a tutto beneficio degli habitat naturali.

I ricercatori dell’Istituto federale di ricerca WSL e del Forum biodiversità dell’Accademia di scienze naturali hanno identificato e quantificato i sussidi dannosi per la biodiversità, stimandone il grado di nocività e giudicando anche la facilità di modificare un determinato tipo di aiuto economico. Lo studio ha beneficiato del sostegno di Pro Natura e BirdLife Svizzera.

La ricerca e il corrispondente factsheet sono disponibili alla pagina WSL

  • Associazioni

Biodiversity damaging subsidies in Switzerland
  • 2020
  • Forum Biodiversità Svizzera
  • Swiss Federal Institute for Forest, Snow and Landscape Research
  • Foglio informativo

Biodiversity damaging subsidies in Switzerland

The Confederation, the cantons and the municipalities have for many years financed measures to promote biodiversity in Switzerland. Despite this, biodiversity is in a critical state. One major reason for this is the large number of public subsidies and perverse financial incentives which promote activities that can cause severe damage to biodiversity. The Federal Council's Swiss Biodiversity Strategy aims to identify the negative effects of such measures and to abolish, gradually dismantle or redesign the harmful subsidies. The study presented here identifies 162 subsidies harmful to biodiversity and makes recommendations on how they can be abolished or reconfigured.
  • Argomenti
    • Clima (470)
    • Cambiamento climatico (368)
    • Ricerca (340)
    • Scienza (232)
    • Fisica (197)
    • Altri risultati
  • Organizzazioni
    • CHIPP (127)
    • Accademia svizzera di scienze naturali (121)
    • UFAM (104)
    • Forum sulla ricerca genetica (91)
    • ProClim (76)
    • Altri risultati
Mittente

Forum Biodiversità Svizzera

Mittente

Swiss Federal Institute for Forest, Snow and Landscape Research

Contatto

Dr. Daniela Pauli
SCNAT
Forum Biodiversità Svizzera
Casa delle Accademie
Casella postale
3001 Berna


+41 31 306 93 40
E-mail


PD Dr. Irmi Seidl
Eidg. Forschungsanstalt WSL
Zürcherstrasse 111
8903 Birmensdorf


044 739 23 24
E-mail