I ghiacciai si riducono nonostante una meteorologia favorevole

Anche nel 2021 il volume dei ghiacciai svizzeri è diminuito di quasi l'1 per cento, nonostante la neve in inverno e un'estate piuttosto fresca. Le abbondanti precipitazioni estive non hanno quasi portato neve fresca nelle Alpi. Tutto questo mostra l'influenza del cambiamento climatico, riferisce la Commissione di esperti criosfera dell'Accademia svizzera delle scienze.

With measuring material across one of the many meltwater streams on Glacier de la Plaine Morte (BE).
Immagine: M. Huss

Il ritiro dei ghiacciai svizzeri negli ultimi tre decenni è stato immenso - un anno estremo seguiva l'altro. Dal punto di vista meteorologico, le condizioni nel 2021 erano idonee a dare un po' di respiro ai ghiacciai. Purtroppo, in tempi di cambiamento climatico, anche un anno "buono" non è abbastanza buono per i ghiacciai: la perdita è continuata nonostante la neve abbondante in inverno e un'estate relativamente fresca e mutevole, anche se meno rapidamente. Alla fine di aprile, la maggior parte dei ghiacciai aveva solo una quantità di neve leggermente superiore alla media. Tuttavia, maggio ha portato una buona quantità di neve supplementare in alta montagna. Sul Claridenfirn (GL, 2890 m) è stato misurato uno spessore della neve di quasi 7 metri, il valore più alto dall'inizio delle osservazioni nel 1914. I ghiacciai erano quindi ancora relativamente ben protetti dalla neve invernale fino al piovoso mese di luglio. Ciononostante, fino a fine settembre si è assistito a uno scioglimento considerevole, e in tutta la Svizzera sono stati persi circa 400 milioni di tonnellate di ghiaccio negli ultimi 12 mesi, quasi l'1% del volume di ghiaccio rimanente.

La più bassa perdita di ghiaccio dal 2013

Le misurazioni della rete svizzera di monitoraggio dei ghiacciai GLAMOS documentano la perdita di ghiaccio su 22 ghiacciai. Anche se le perdite sono minori rispetto agli ultimi anni, nessun guadagno è stato registrato per nessuno dei ghiacciai. Soprattutto nel nord del Vallese (ghiacciaio del Rodano, grande ghiacciaio dell'Aletsch), la diminuzione dello spessore medio del ghiaccio è moderata, poco meno di 0,2 metri. Nel Vallese meridionale, in Ticino e nella Svizzera nord-orientale (ad esempio il ghiacciaio Findel, o il ghiacciaio Silvretta), invece, le perdite sono di poco inferiori alla media degli ultimi 10 anni. Mentre notevoli riserve di neve - "cibo" per il ghiacciaio - sono state misurate su grandi ghiacciai sopra i 3200 m in autunno, alcuni ghiacciai a quote più basse hanno completamente perso il manto nevoso e sono quindi condannati a sparire. Anche se l'anno 2021 mostra la perdita di ghiaccio più bassa dal 2013, non c'è sollievo in vista per il ritiro dei ghiacciai.

Inverno nevoso fino in pianura

Al di sopra dei 2300 m, in molti luoghi l’innevamento si è già verificato alla fine di settembre 2020, in quote più basse all'inizio di dicembre. Le ripetute nevicate tra dicembre e febbraio fino in pianura non erano tanto dovute alle quantità di precipitazioni, quanto alla fortunata combinazione di precipitazioni e temperature sufficientemente fredde. La temperatura da novembre ad aprile si trovava nella media degli ultimi 30 anni. Il totale delle precipitazioni per i mesi invernali è stato superiore alla media su entrambi i lati delle Alpi, ma inferiore alla norma in marzo e aprile. Durante l'intero semestre invernale, l'altezza della neve è stata superiore alla media nella Svizzera orientale e nei Grigioni, e media nel resto della Svizzera, ad eccezione delle basse quote della Svizzera occidentale. A causa di un aprile e un maggio freddi, lo scioglimento della neve nelle stazioni di misurazione ad alta quota è avvenuto circa 1-2 settimane più tardi del normale.

Estate piovosa ma quasi nessuna neve nuova nelle Alpi

Secondo MeteoSvizzera, i mesi estivi del 2021 a nord delle Alpi sono stati tra i più umidi in oltre 100 anni di registrazioni. Le temperature erano nella gamma del valore medio degli ultimi tre decenni, il che significa tuttavia un surplus di temperatura di 1,8°C rispetto al periodo standard 1961-1990. L'influenza del cambiamento climatico si riflette chiaramente nei totali delle nuove nevicate estive, che sono sorprendentemente piccole nonostante le molte precipitazioni: Per esempio, il Weissfluhjoch (GR, 2540 m) ha registrato un totale di neve fresca di 155 cm durante l'estate 1987, anch'essa molto piovosa; nel 2021 era di soli 20 cm. Corrispondentemente, un totale di neve fresca superiore ai 50 cm non è stato registrato in alcuna stazione di misurazione, neppure in quelle più alte. Il settembre 2021, molto caldo e soleggiato, ha portato solo due piccole nevicate in montagna.

  • Konkordiaplatz on the Great Aletsch Glacier (VS) is impressive. An ice layer of 2-3 metres melted here in the summer of 2021.
  • A huge, unstable glacier mouth has formed at the Findel glacier (VS) tongue.
  • Measurement pole on the Findel glacier (VS). Its height illustrates the expected melt in the next year.
  • Re-drilling of a measurement pole on the Gries glacier (VS).
  • In September 2021, the Glacier de la Plaine Morte (BE) was again completely free of snow, thus its chances of survival are bleak.
  • Meltwater on the Rhone glacier (VS).
  • Konkordiaplatz on the Great Aletsch Glacier (VS) is impressive. An ice layer of 2-3 metres melted here in the summer of 2021.Immagine: M. Huss1/6
  • A huge, unstable glacier mouth has formed at the Findel glacier (VS) tongue.Immagine: M. Huss2/6
  • Measurement pole on the Findel glacier (VS). Its height illustrates the expected melt in the next year.Immagine: A. Linsbauer3/6
  • Re-drilling of a measurement pole on the Gries glacier (VS).Immagine: M. Huss4/6
  • In September 2021, the Glacier de la Plaine Morte (BE) was again completely free of snow, thus its chances of survival are bleak.Immagine: M. Huss5/6
  • Meltwater on the Rhone glacier (VS).Immagine: M. Huss6/6

Categorie

  • Criosfera
  • Ghiacciai

Contatto

Dr. Matthias Huss
University of Fribourg
Geography Unit
Chemin du Musée 4
1700 Friburgo

+41 79 752 72 62
E-mail